Nei giorni 4 e 5 maggio, una delegazione del Consiglio Consultivo per le Comunità del Kosovo, grazie al supporto dell’Associazione Trentino con i Balcani Onlus, è stata in visita in Trentino Alto-Adige. La missione è nata dall’interesse del Consiglio nel conoscere e approfondire l’esperienza del Trentino-Alto Adige nella tutela delle minoranze regionali (linguistiche, culturali e religiose), per poter portare anche il Kosovo ad una completa pacificazione tra etnie e gruppi, divisi da complesse vicende storiche.

Nella mattinata di giovedì 4 maggio la delegazione ha avuto il piacere di incontrare il presidente del Consiglio provinciale di Trento Bruno Dorigatti, il presidente dell’Autorità per le minoranze linguistiche Dario Pallaoro e il direttore dell’Ufficio legislativo del Consiglio provinciale Mauro Ceccato.

Nel pomeriggio la visita è proseguita al Forum Trentino per la pace e i diritti umani, dove il presidente Massimiliano Pilati e il collaboratore Riccardo Santoni hanno raccontato le diverse attività che questo organo porta avanti grazie al supporto dei diversi attori locali.

Il giorno seguente sono stati accolti dall’EURAC, Accademia europea di Bolzano. Sara Parolari e Sergiu Constantin, ricercatori per l’Istituto di Federalismo Comparato e per l’Istituto per i Diritti delle Minoranze, hanno spiegato nel dettaglio il processo di autonomia dell’Alto-Adige e i meccanismi di tutela delle minoranze presenti nel territorio.

Alla fine degli incontri è stata ribadita la volontà dei membri del Consiglio di continuare il percorso di collaborazione iniziato con ATB Onlus all’interno del sistema trentino, favorendo uno scambio reciproco di buone prassi tra Trentino-Alto Adige e Kosovo.

A questo indirizzo potete leggere il comunicato stampa della visita al Consiglio della Provincia di Trento:
http://www.consiglio.provincia.tn.it/news/giornale-online/articoli/Pages/201705041449.aspx?zid=403e7ec4-1f18-4357-83d6-e3c9a5cce5bf

Consiglio Consultivo per le Comunità del Kosovo

Consiglio Consultivo per le Comunità del Kosovo
http://www.ccc-rks.net/

Il CCC viene stabilito nel 2005 ed è formato da rappresentanti delle comunità di minoranza presenti sul territorio Kosovaro, nello specifico: serba, bosniaca, turca, gorana, rom, ashkali, egiziana, montenegrina e croata.
Il mandato del Consiglio consultivo per la Comunità è quello di fornire un meccanismo per lo
scambio regolare tra le Comunità e il governo del Kosovo. In particolare:
– facilitare l’organizzazione e l’articolazione delle necessità delle comunità e dei loro membri in relazione alla legislazione, alle politiche pubbliche e ai programmi;
– fornire un forum di coordinamento e consultazione tra le comunità;
– dare la possibilità alle comunità di partecipare attivamente alle fasi iniziali concernenti le iniziative legislative o politiche relazionandosi al Governo;
– consentire alle comunità di partecipare alla valutazione dei bisogni, alla progettazione, al monitoraggio e alla valutazione dei programmi con focus sulle minoranze;
– fare raccomandazioni durante i processi decisionali relativamente alla ripartizione dii fondi, sia internazionali che governativi, per progetti riguardanti le comunità di minoranza;
– contribuire a relazioni armoniose tra tutte le comunità all’interno della Repubblica del Kosovo.
Il CCC istituisce dei quadri di riferimento per la tutela dei diritti delle comunità in Kosovo così da garantire la piena tutela dei diritti individuali e dei diritti delle comunità per i rappresentanti delle minoranze in Kosovo. I quadri di riferimento sono presentati durante i colloqui di stato e sono alla base delle leggi sulla promozione dei diritti della comunità e di protezione e dei loro rappresentanti.