LICEO DA VINCI: SARAJEVO IERI E OGGI

image_pdf

Lunedì 5 febbraio presso il Liceo Scientifico Da Vinci di Trento, le classi IV coinvolte nel viaggio di istruzione in Bosnia ed Erzegovina previsto in marzo hanno partecipato al secondo incontro di preparazione insieme a Marco Abram, ricercatore e redattore di Osservatorio Balcani Caucaso e Transeuropa. Dopo un breve collegamento alla lezione precedente sulla dissoluzione jugoslava, è stato introdotto il contesto bosniaco e di Sarajevo, al fine di illustrare la storia di un Paese a partire dalla sua capitale.

In particolare, sono state ripercorse le tappe storiche fondamentali dall’impero ottomano a quello austro-ungarico, dall’assassinio dell’arciduca Ferdinando nel 1914 fino alle Olimpiadi settant’anni dopo. E’ stato poi affrontato il tema delle guerre nei Balcani e le ripercussioni sulla Bosnia ed Erzegovina. Oltre al complesso quadro etnico e demografico che allora come oggi caratterizza il territorio bosniaco, i ragazzi hanno affrontato il tema dell’urbicidio ricordando non solo l’assedio e la distruzione della capitale Sarajevo negli anni Novanta e la resistenza messa in atto dai suoi cittadini, ma anche i bombardamenti di luoghi culturali e religiosi del paese come la Biblioteca Nazionale e lo Stari Most, il Vecchio Ponte simbolo di Mostar, città erzegovese nella Bosnia meridionale. Nonostante gli accordi di pace di Dayton, stipulati da oltre vent’anni, sono ancora presenti forti divisioni etniche non solo nella capitale, ma anche in zone più periferiche del Paese, a partire dal fenomeno delle scuole separate su base etnico-religiosa. Infine, sono stati dati alcuni suggerimenti su musica e documentari relativi alla città di Sarajevo di ieri e di oggi.

[/av_textblock]