I GIOVANI DELLA VAL DI NON IN VIAGGIO IN BOSNIA ERZEGOVINA

Print Friendly, PDF & Email


20150413_175259[2]Dopo l’appassionante e formativa esperienza con il Liceo Musicale e Coreutico di Trento, l’Associazione Trentino con i Balcani torna in Bosnia Erzegovina per accompagnare un gruppo di 120 giovani trentini alla scoperta del paese attraverso i luoghi più significativi della sua difficile storia recente (Mostar, Sarajevo, Srebrenica), inevitabilmente legata a quella dell’Europa.

Le narrazioni di alcune di alcune persone attive nella promozione della convivenza pacifica aiuteranno i giovani ed i loro accompagnatori a rileggere attraverso gli occhi chi ha vissuto il conflitto le vicende storiche che hanno segnato la Jugoslavia degli anni 90. Il gruppo avrà l’opportunità di incontrare il generale che ha difeso Sarajevo dall’assedio Jovan Divjak, i giovani del Consiglio Interreligioso, un gruppo di ex detenuti nei campi di concentramento ed un gruppo di giovani attivisti della città di Srebrenica.

L’Associazione Trentino con i Balcani ha curato il percorso formativo e di preparazione per i giovani partecipanti al viaggio, l’organizzazione del viaggio e degli incontri a Sarajevo, Mostar e Srebrenica. Il percorso formativo e di preparazione proposto ai giovani partecipanti al viaggio, ha avuto i seguenti focus:

  • il conflitto bosniaco;
  • la città di Sarajevo;
  • la violenza di genere durante il conflitto bosniaco;
  • i fatti di Srebrenica e i giovani di Srebrenica oggi.

Il gruppo di 120 giovani di età compresa tra i 16 ed i 21 anni e 30 accompagnatori provenienti dell’Alta e della Terza sponda della Val di Non partirà oggi pomeriggio, mercoledì 29 aprile, grazie ad un progetto promosso dall’Associazione “La Storia siamo noi” in collaborazione con ATB e finanziato dai Comuni e dalle Casse Rurali della zona.

Per approfondire, leggi il diario di bordo degli studenti e delle studentesse del Liceo Bonporti:

incontro Bonporti Divjak