INTERVISTA AL GRUPPO BOSNIA MORI

Print Friendly, PDF & Email

Oggi vi raccontiamo delle attività del Gruppo Bosnia Mori, che ormai da 20 anni è occupato nel sostegno della comunità locale bosniaca.

Il Gruppo Bosnia Mori nasce nel 1998 da una richiesta di aiuto della Diocesi di Banja Luka. Dal Trentino, la Diocesi di Mori decide di aiutare Stara Rijeka, un paese al confine tra la Repubblica Srpska e la Federazione di Bosnia – Erzegovina.
La comunità, che prima dello scoppio della guerra contava 674 persone, ora è ridotta a 120 la cui maggioranza di età anziana vive principalmente con la propria pensione che varia dai 40 a 50 euro al mese.
Prima della Guerra la principale fonte di reddito dell’intera comunità era la miniera dove si estraeva il ferro situata a monte del paese, dove la maggior parte degli abitanti presta la manodopera come dipendenti. Attualmente le miniere sono inaccessibili, più nessuno ci lavora e per questo a Stara Rijeka si vive solo dei prodotti della terra e con le rimesse dei che inviano parenti andati a lavorare in Germania.
Ad aggravare la situazione, i difficili collegamenti con i villaggi circostanti per il rifornimento dei beni di prima necessità.

Dopo aver preso i primi contatti per capire le reali esigenze di questa piccola comunità, nel 1999 e 2000 si organizzarono dei viaggi per portare medicinali, viveri, vestiti, coperte e stufe. Nel 2002 incominciarono i campi di lavoro estivi, durante i quali i volontari da Mori arrivano per aiutare le famiglie per i lavori quotidiani. In questo modo si instauro’ anche un forte legame di amicizia con la popolazione locale, grazie anche alla mediazione del parroco locale, trasformando così queste attività di volontariato in occasioni di incontro e scambio.

Con il passare degli anni i volontari del il Gruppo Bosnia Mori – Stara Rijeka, si resero conto che non era sufficiente andare a Stara Rijeka per fornire materiale e manodopera, ma che era necessario rendere economicamente autonoma la comunità locale dando loro gli strumenti necessari per realizzarsi.
Attualmente, con i fondi che il Gruppo raccoglie anno per anno garantisce un servizio di scuola bus privato in assenza di servizio pubblico che ogni giorno porta a scuola gli studenti del paese. Altro progetto è il mantenimento (vitto e alloggio) di due studenti che frequentano le superiori a Prijedor. Nello stesso momento garantiscono la fornitura di legna per riscaldare a tutti gli anziani.
Una nuova sfida del Gruppo B-M-S R, è la raccolta di fondi per l’acquisto di una trebbiatrice che renda autonomi gli abitanti del paese nella raccolta del mais a uso proprio.

Il Gruppo Bosnia Mori è un gruppo informale di volontari che si impegnano nel loro tempo libero a raccogliere fondi utili ad aiutare la comunità di Stara Rijeka. Sono mossi dalla passione e dalla volontà di aiutare coloro che ormai sono diventati amici.

Questa è la loro pagina Facebook, dove pubblicizzano gli eventi che organizzano e diffondono notizie e storie sulla Bosnia – Erzegovina, allo scopo di far conoscere una realtà a molti sconosciuta seppur a noi confinante.

Ringraziamo vivamente Vigilio, Cristian e Giorgio per la disponibilità e la gentilezza di averci dedicato del tempo per raccontarci la loro storia!

Le foto contenute nell’articolo sono tratte dalla pagina Facebook del Gruppo Bosnia Mori.

[/av_textblock]