PRESENTATO ALIVE, PROGETTO DI CIES IN PARTNERSHIP CON ATB

/in /da
Print Friendly, PDF & Email

L’11 novembre, all’Hotel International Tirana, si è tenuta la conferenza di apertura dei progetti ALIVE Uomini e Donne Liberi dalla Violenza in Albania e RISE-ALB Rafforzamento dell’Imprenditorialità SocialE in Albania.
La mattinata è stata aperta dall’intervento del dott. Luca Maestripieri – Direttore Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo – AICS, finanziatrice dei due progetti.
Sono seguiti gli interventi di presentazione dei due progetti a cura di Antonello Massenti – project manager del progetto ALIVE per CIES Onlus e Federico Patacconi – project manager del progetto RISE-ALB per ENGIM Internazionale e il discorso della vice ministro della salute e della cura sociale del governo albanese.

ALIVE Uomini e Donne Liberi dalla Violenza è progetto co-finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, implementato da CIES Onlus e di cui ATB è partner. Il progetto è implementato in partnership con la Scuola per la Pubblica Amministrazione e le associanti locali Tjeter Vizion di Elbasan, Gruaja tek Gruaja di Scutari e Qendra psiko sociale Vatra di Valona e con il supporto tecnico di altri partner.
Il progetto, che coinvolgerà le municipalità di Elbasan, Valona e Scutari, ha l’obiettivo di contribuire al raggiungimento della parità di genere e all’empowerment delle donne in Albania, e di contribuire a terminare tutte le forme di discriminazione delle donne nelle regioni coinvolte.

Le azioni identificate si dividono in 3 filoni di intervento:
1. SAPER INNOVARE, capacity building per le istituzioni locali – che prevede le seguenti azioni:
◦ La formazione di formatori per operatori pubblici esperti nella redazione del bilancio di genere
◦ L’assistenza tecnica per la Scuola per la Pubblica Amministrazione per l’adeguamento all’aquis comunitario in materia di genere

2. CREARE IL FUTURO, reintegrazione sociale ed economica – che prevede le seguenti azioni:
◦ Supporto all’implementazione delle leggi sulla violenza e parità di genere
◦ Supporto all’implementazione della legge sulla tutela legale garantita dallo stato
◦ Supporto all’implementazione della legge sulla discriminazione socio-economica

3. INTERROMPERE IL CICLO, lavoro con gli uomini violenti – che prevede le seguenti azioni:
◦ Rafforzamento dei servizi di counselling per uomini violenti
◦ Awareness campaign nelle scuole su ruoli di genere e violenza
◦ Sensibilizzazione degli attori dei meccanismi di riferimento

Un dato: 74 sono le donne raggiunte nei primi 40 giorni di progetto. Considerando la durata di 36 mesi del progetto, si prevede già un forte impatto sulle comunità.

Dopo una breve pausa caffè organizzata dalla pasticceria sociale KeBuono, precedente progetto di ENGIM internazionale che si è concretizzato nella nascita di questo business, sono ripresi i lavori con una sezione dedicata a “Impresa sociale e legalità: nuovi scenari in Albania” a cui hanno contribuito esperti italiani e albanesi.

A concludere l’evento, una sezione dedicata al tema “Violenza sulle donne: uomini e istituzioni attori del cambiamento” durante la quale è intervenuto anche Maurizio Camin, a presentare il contributo di ATB al progetto, che si concretizzerà nel supporto alla definizione di curricula per percorsi di formazione professionalizzante e la creazione di competenze spendibili sul mercato del lavoro.