DIRITTI E DESTIGMATIZZAZIONE DELLE PERSONE CON DISTURBI MENTALI

Print Friendly, PDF & Email

DSC_1462Belgrado, 12.luglio.2013.

Si sono tenuti a Belgrado in data 5 e 12 luglio due incontri nazionali sulla Salute mentale in Serbia che hanno visto coinvolte diverse associazioni di utenti e familiari, accademici ed esperti locali ed internazionali. L’obiettivo degli incontri è stato incoraggiare il dialogo e il confronto sul processo di destigmatizzazione e di sensibilizzazione sui diritti delle persone con disturbi mentali e sulle loro attuali condizioni di vita e di emarginazione all’interno della società, nell’ottica di una riflessione sui futuri passi da compiere verso un reale miglioramento delle condizioni di vita delle persone con disturbi mentali e nel rispetto dei diritti fondamentali dell’uomo e del cittadino. DSC_1300

Durante gli incontri sono state poste le basi per la creazione di un networking di associazioni che faciliterà la comunicazione dei diversi territori e sarà lo strumento per sviluppare strategie, iniziative e campagne nazionali per la promozione dei diritti della persona con disagio mentale.

L’Associazione Trentino con i Balcani in collaborazione con l’Azienda Provinciale dei Servizi Sanitari, Caritas Italiana e Caritas Serbia,  e con il sostegno della Provincia Autonoma di Trento è in fase di implementazione della seconda annualità del Progetto ParTN&RS, un progetto sulla Salute mentale in Serbia e sulla promozione di un modello di psichiatria di comunità come contributo alla Riforma della salute mentale della Serbia e al miglioramento della qualità di vita delle persone che soffrono di problemi di salute mentale.

In particolare, nell’ultima annualità sono stati realizzati percorsi formativi approfonditi sulla psichiatria di comunità trentina, a cui hanno partecipato il personale sanitario, medico e sociale dei tre ospedali psichiatrici serbi – partner locali del Progetto. Sono state inoltre realizzate una visita studio a cui hanno preso parte alcuni utenti serbi, e diverse visite e formazioni in Serbia da parte degli esperti italiani coinvolti nel Progetto.

partners