“SEMINARE PER RICOMINCIARE”, AL VIA LA CONSEGNA DEGLI AIUTI

Print Friendly, PDF & Email

Con una conferenza stampa ufficiale presso la sede del comune di Kraljevo, l’Associazione Trentino con i Balcani e la giunta comunale di Kraljevo hanno dato il via libera ufficiale per l’inizio della distribuzione degli aiuti raccolti attraverso il progetto “Seminare per ricominciare. Intervento a favore delle popolazioni colpite dall’alluvione in Serbia“. Questi aiuti serviranno a contribuire alla ripresa di alcune piccole aziende agricole a conduzione famigliare, severamente colpite dalle disastrose esondazioni dei fiumi Morava occidentale e il fiume di montagna Gruza avvenute nei giorni 15-16 di maggio 2014.

conf stampa low

conf stampa low1

Dopo un intenso periodo di incontri e valutazioni sul territorio, in stretta collaborazione tra ATB, il Dipartimento di Emergenza della città di Kraljevo e dei rappresentanti dei villaggi più colpiti dalle esondazioni, sono state individuate 40 famiglie che beneficeranno di questi aiuti necessari alla riattivazione delle proprie attività di sussistenza (sementi, fertilizzanti, bestiame e strumenti da lavoro). Le famiglie che beneficieranno del progetto provengono dai villaggi di Adrani, Ravanica, Vitkovac, Grdica, Vitanovac e Sirca.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

L’acquisto e la consegna verranno realizzata durante la prossima settimana e vedrà presenti come garanti gli esperti del Dipartimento di Agricoltura di Kraljevo ed il referente di ATB in loco.

IL PROGETTO

In seguito alla disastrosa alluvione del maggio 2014, che ha colpito i Balcani occidentali ed in particolare Serbia e Bosnia, l’Associazione Trentino con i Balcani si è attivata per reperire i fondi necessari alla realizzazione di un intervento di aiuto concreto per portare sollievo all’economia agricola delle zone più colpite nella Municipalità di Kraljevo.

Seminare per ricominciare” è il titolo del progetto elaborato in collaborazione con il Dipartimento Emergenze della Municipalità di Kraljevo e finanziato grazie all’aiuto di molti amici e amiche che non hanno esitato a rispondere al nostro appello di raccolta fondi a cui potrebbero aggiungersi altri fondi.

Seminare per ricominciare” mira a fornire un aiuto concreto per la ri-attivazione dell’economia agricola nelle zone adiacenti alla città di Kraljevo, colpite dalle disastrose esondazioni dei fiumi Morava occidentale e il fiume di montagna Gruza avvenute nei giorni 15-16 di maggio 2014. Qui riportiamo alcune testimonianze “Un mese dopo l’alluvione“.

In seguito ad una prima fase di emergenza, che ha visto numerose associazioni ed istituzioni impegnate nella distribuzione di aiuti umanitari per risolvere le esigenze di breve periodo, l’Associazione Trentino con i Balcani ha condotto uno studio di fattibilità per promuovere un intervento di aiuto concreto per sostenere la riattivazione dell’economia agricola famigliare e di sussistenza attraverso la fornitura di strumentazione e di beni necessari. In stretta collaborazione con il Dipartimento di Emergenza della città di Kraljevo, ATB ha partecipato ad alcuni sopralluoghi sul territorio e ad alcune riunioni di coordinamento per poter strutturare al meglio ed in assoluta trasparenza tale intervento.

Di comune accordo è stato deciso di fornire un sostegno a quelle famiglie con unica fonte di reddito l’attività agricola e che quindi, a causa dell’alluvione, hanno visto distruggere dalla furia delle acque la loro unica fonte di sostentamento. Per garantire trasparenza ed efficienza nell’individuazione dei beneficiari e nell’acquisto dei beni necessari alla riattivazione dell’economia agricola (pur tenendo conto delle liste a disposizione del dipartimento delle emergenze) si è resa necessaria una verifica “porta a porta” delle necessità dei piccoli agricoltori individuati. Il progetto è seguito da ATB in collaborazione con il Dipartimento Emergenze e dall’Assessorato all’agricoltura della città di Kraljevo, con il supporto di un tecnico esperto locale.

In totale l’intervento prevede un budget di circa 30 mila euro, tra donazioni private e il contributo della Provincia Autonoma di Trento.

low