LKLT: Supporto psicologico virtuale a Prizren

/in /da
Print Friendly, PDF & Email

Anche a Prizren come a Peja (qui l’articolo), la Lega Kosovara Lotta Tumori (LKLT) e ATB stanno sostenendo un servizio psicologico in remoto per pazienti oncologiche.

In collaborazione della ONG Renesansa, già attiva nel supporto a malati oncologici, lo psicologo Rron Kastrati sta seguendo settimanalmente 28 donne, suddivise in 4 gruppi.

Il supporto psico-emotivo garantito in remoto in un momento così difficile incoraggia le pazienti e dà loro motivazione”.

Le sessioni in gruppo si svolgono 4 volte alla settimana, mentre il supporto individuale dipende dalla necessità delle pazienti. Il tutto viene gestito facilmente attraverso gruppi Facebook, WhatsApp o Viber.

Tutte le pazienti hanno risposto positivamente all’opportunità di partecipare a sessioni di supporto virtuale”, spiega Kastrati. “Le sessioni durano in media un’ora e mezza. Durante gli incontri vengono condivise e sperimentate tecniche di rilassamento progressivo, di meditazione, di gestione dello stress, adattandole alla restrizioni imposte sul rimanere in casa, così da aiutare a mantenere uno stato psicologico positivo. Le problematiche emerse in questo periodo di emergenza sanitaria, sono legate soprattutto allo stress, all’ansia e all’acuirsi di paure preesistenti.

Non sono stati riscontrati particolari ostacoli nello svolgimento delle sessioni in remoto, per quanto la terapia online differisca molto dalla terapia tradizionale. L’importante secondo Kastrati è riuscire a coordinarsi e comunicare in maniera attiva con le persone coinvolte. “Dato che il Kosovo ha un’ottima copertura di rete, questa metodologia in virtuale potrebbe essere un’ottima occasione anche per fornire servizi di supporto psicologico alle persone che vivono in aree meno connesse perché più conveniente ed economico.”

Articoli correlati: